• Giglio Reduzzi

Le bugie sui migranti

La Sinistra ed i mezzi di comunicazione ad essa asserviti (quasi tutti) dovrebbero smetterla di raccontarci bugie.

I migranti che vengono dall’Africa non sono né profughinaufraghi.

Non sono profughi (“refugee”), secondo la definizione che ne dà il diritto internazionale convenzionale, perché, salvo casi rarissimi, non scappano da nessuna guerra.

Quindi non sono coperti da nessuna norma internazionale.

Non sono neppure “naufraghi”, perché la tanto invocata legge del mare si riferisce agli occupanti di mezzi navali colpiti da un evento imprevisto, tipo burrasca od iceberg, e non si applica certo ai naufragi intenzionali in esame.

Un’intenzionalità resa evidente a partire dalla scelta degli scafi (gommoni che a Genova non verrebbero fatti uscire neanche per andare a Recco), nonché dall’assenza di dotazioni, l’insufficiente scorta di carburante ed il sovraccarico di persone.

Dunque non sono neppure naufraghi.

Il naufragio intenzionale è una fattispecie giuridica inesistente.

Pertanto la volontà di salvarli può solo essere motivata o dalla carità o dall’interesse. Non certo dalle leggi.

Sono indiscutibilmente mosse da carità le persone che dalla loro attività di salvataggio non traggono alcun beneficio economico.

Come è certamente il caso di molti cristiani, dentro e fuori della gerarchia.

Mentre è probabile che siano motivate dall’interesse le persone che per questa loro attività ricevono uno stipendio, magari profumato.

Ho detto “probabile”, perché non escludo che ci sia qualche (raro) caso di doppia motivazione.

Conclusione: pensatela come volete, ma non tirate in ballo le leggi.

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o