• Giglio Reduzzi

Le Olimpiadi di Tokio

Tre sono le cose che mi vengono in mente a proposito delle Olimpiadi in corso:

1. Ho l’impressione (spero di sbagliarmi) che alcuni degli atleti italiani siano stati inviati a Tokio in gita premio. Cioè, non per vincere una medaglia, ma in riconoscimento dei meriti acquisiti in passato.

2. Se ci fosse ancora la Yugoslavia, essa sarebbe di gran lunga la nazione europea che ha conquistato il maggior numero di medaglie d’oro. (Basta sommare tra loro le medaglie vinte da Serbia, Kosovo, Croazia e Slovenia).

Per diversi giorni persino il Kosovo (con una delegazione di soli 11 atleti) aveva più medaglie d’oro del team italiano (384 atleti).

(Forse è per rendere impossibile l'imbarazzante confronto che la RAI, nel presentare il medagliere, ha saltato alcune posizioni.)

3. Siccome la delegazione italiana non ha brillato negli sport più popolari, sorretti dal capitale privato (calcio, ciclismo, tennis), dobbiamo ringraziare lo Stato italiano che ci ha consentito di ottenere molti riconoscimenti in quegli “sport minori” dove i privati non hanno interesse ad investire.

Peccato che, così facendo, il nostro Paese appaia politicamente più vicino a Cuba che agli USA.

75 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è

Un imbarazzato Segretario di Stato vaticano ha appena annunciato che tra due giorni Papa Francesco andrà a Manama, capitale del Bahrain. La notizia è piombata sugli ascoltatori come un fulmine a ciel