• Giglio Reduzzi

Le Olimpiadi di Tokio

Tre sono le cose che mi vengono in mente a proposito delle Olimpiadi in corso:

1. Ho l’impressione (spero di sbagliarmi) che alcuni degli atleti italiani siano stati inviati a Tokio in gita premio. Cioè, non per vincere una medaglia, ma in riconoscimento dei meriti acquisiti in passato.

2. Se ci fosse ancora la Yugoslavia, essa sarebbe di gran lunga la nazione europea che ha conquistato il maggior numero di medaglie d’oro. (Basta sommare tra loro le medaglie vinte da Serbia, Kosovo, Croazia e Slovenia).

Per diversi giorni persino il Kosovo (con una delegazione di soli 11 atleti) aveva più medaglie d’oro del team italiano (384 atleti).

(Forse è per rendere impossibile l'imbarazzante confronto che la RAI, nel presentare il medagliere, ha saltato alcune posizioni.)

3. Siccome la delegazione italiana non ha brillato negli sport più popolari, sorretti dal capitale privato (calcio, ciclismo, tennis), dobbiamo ringraziare lo Stato italiano che ci ha consentito di ottenere molti riconoscimenti in quegli “sport minori” dove i privati non hanno interesse ad investire.

Peccato che, così facendo, il nostro Paese appaia politicamente più vicino a Cuba che agli USA.

75 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

L'origine del perdono

De Silvana numquam satis, verrebbe voglia di dire. Qualche giorno fa, su La Verità, Silvana De Mari ha scritto un articolo che avrà fatto sobbalzare sulla sedia più di una persona, ma è la pura verità

Il PD fa di necessità virtù

Come è noto, il PD è convinto che il governo del Paese gli tocchi per mandato divino, specie ora che riceve il supporto della Chiesa. Il partito di Letta fa proprio il detto: non lo fò per piacer mio

Solidarietà internazionale

Anche del Libano la comunità internazionale sembra essersi dimenticata, benché dovrebbe essere in cima alla lista delle nazioni che necessitano di solidarietà. Dopo il disastro che ha colpito Beirut l