• Giglio Reduzzi

Le parole che non piacciono alla Sinistra

Una -l’abbiamo già detto più volte- è “comunismo”.

Nessuno che sia stato iscritto al PCI (e magari abbia svolto un ruolo dirigenziale in quel partito) riconosce volentieri di essere stato comunista.

Salvo Pier Luigi Bersani e pochi altri, tutti preferiscono definirsi anti-fascisti.

E’ per questo motivo che il termine antifascista è ancora di moda dopo tutti questi anni.

L’altra parola che non piace alle persone di sinistra è “patriottismo”.

Difatti, benché anche a loro si inumidisca l’occhio quando sentono suonare l’inno nazionale, essi ritengono che non sia dignitoso ammettere di nutrire il sentimento patrio che l’inno richiama.

Sta di fatto che non li ho mai visti commuoversi quando sentono l’Inno della Gioia che accompagna le manifestazioni dell’Unione Europea, a loro tanto cara.

La “debolezza” del sentimento patrio la lasciano volentieri agli avversari politici, anche se, non osando definirli “patrioti”, li chiamano “sovranisti”, spesso associando questo termine a quello di “populisti”, ritenuto ugualmente spregevole.

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o