• Giglio Reduzzi

Le recite dei deputati M5S

Quando parlano in aula o sono davanti ai giornalisti, i giovani deputati del M5S mi fanno tenerezza.

Pur essendo sempre gli stessi (e quindi ritenuti i più disinvolti), si vede lontano un miglio che, invece di esprimere convincimenti, recitano un copione imparato a memoria.

Hanno lo stesso imbarazzo che avevamo noi da piccoli quando, al pranzo di Natale, ci mettevano sulla sedia per recitare la poesia.

Fateci caso: anche in materia di pandemia, la composizione della frase, l’espressione della faccia ed il tono della voce sono sempre gli stessi, sia che l’annuncio riguardi un intervento legislativo di 2,7 miliardi (come era previsto inizialmente), oppure uno di 55 miliardi (come divenne alla fine), passando attraverso i vari stadi intermedi.

Quasi che “per non lasciare indietro nessuno” (come dicono ogni volta), lo stanziamento di pochi miliardi, da loro annunciato all'inizio, potesse avere lo stesso identico effetto di uno di 55, come richiesto dall’opposizione!

9 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se