• Giglio Reduzzi

Le "restrizioni" governative da COVID-19

In tempi di epidemia come quello che stiamo attraversando, entrare nel dettaglio delle restrizioni sino a stabilire quando e con chi puoi intrattenerti, quali aziende possono stare aperte e quali chiuse, quali sport si possono praticare e quali no, ecc. è tipico degli esecutivi di sinistra.

I governi liberali non entrano mai nei particolari: fissano quale distanza minima debba essere mantenuta tra una persona e l’altra e lascia che siano i cittadini stessi a trarre le conclusioni che ne conseguono.

Inutile dire che il tennis si può praticare ed il pugilato no.

Lo sanno tutti che non si può picchiare a distanza.

Oltretutto a voler essere troppo precisi, si finisce sempre per dimenticare qualche cosa.

Per esempio il governo in carica si è dimenticato che i ragazzi, quando vanno a scuola, debbono attraversare quell’autentico collo di bottiglia che è rappresentato dall’autobus e che, pertanto, a poco o nulla serve che siano ben distanziati all’interno dell’aula.

27 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o