• Giglio Reduzzi

Le tasse "etiche"

Le tasse etiche sono una barzelletta.

Intanto esse non possono essere messe a bilancio dal lato delle entrate.

Lo vieta il loro carattere aleatorio.

Infatti, di fronte ad una nuova tassa sulle sigarette, uno potrebbe decidere di non fumare più.

In tal caso, invece di avere un maggiore entrata, lo Stato subirebbe la perdita delle tasse che già insistono sul tabacco.

Oppure può decidere di continuare a fumare.

Nel qual caso lo Stato otterrà sì un beneficio economico, ma perderà la scommessa sulla valenza educativa del provvedimento.

Senza contare che, anche sul piano strettamente economico, potrebbe trattarsi di una vittoria di Pirro, visti i danni a lungo termine del vizio del fumo.

Se davvero volesse educarci, potrebbe limitarsi ad estendere le zone di non smoking.

Lo stesso vale per la tassa sui cibi e le bevande ricche di zucchero.

Anzi, a maggior ragione.

Lo Stato non può spingere la sua ingerenza fin dentro il nostro palato.

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Da che parte sta Dio?

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Come riconoscere i migranti "buoni"

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi. E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età. Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incor

Auspici per il Nuovo Anno

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo