• Giglio Reduzzi

Ma che fortuna!

Accanto alle ragioni di sbigottimento enunciate nel punto precedente, per fortuna ce ne sono altre che invece ci fanno ritenere fortunati di essere nati in questa epoca di indubbie transizioni.

Pensiamo per esempio a quanto è successo il 20 Luglio del 1969, cioè nel bel mezzo della nostra vita, per citare il Poeta: due uomini (Neil Armstrong e Buzz Aldrin) hanno messo piede sulla Luna.

Non era mai successo prima, benché, secondo la scienza, l’uomo abiti il nostro pianeta da circa 200.000 anni.

Dunque noi abbiamo avuto la fortuna, nel breve arco della nostra vita, di assistere ad un evento senza precedenti.

Un fatto tanto eccezionale che inizialmente alcuni credevano che non fosse mai avvenuto e che le immagini fornite fossero solo trucchi televisivi.

Ma per fortuna si trattava di poche persone (per lo più cariche di anti-americanismo) che gli eventi successivi hanno provveduto a smentire.

Può darsi che la conquista umana della Luna sia solo la prima di una serie di future conquiste extra-territoriali; sta di fatto che quanto è successo nel 1969 non era mai avvenuto nei 200.000 anni precedenti; per cui ci sono tutte le condizioni perché la brevissima finestra temporale in cui ci è capitato di vivere venga considerata una felice coincidenza.

Per trovare un arco temporale altrettanto fortunato noi cattolici avremmo dovuto nascere duemila anni fa ed essere nati in Palestina.

8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Da che parte sta Dio?

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Come riconoscere i migranti "buoni"

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi. E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età. Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incor

Auspici per il Nuovo Anno

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo