• Giglio Reduzzi

Ma la RAI no

In quanto persona ricca che ha soldi da buttare, Urbano Cairo può permettersi il lusso di mantenere inalterata la linea editoriale della sua trasmittente televisiva, a costo di perdere ascolti.

Sono affari suoi, anche se personalmente sono convinto che l’allontanamento di personaggi che si sono sempre caratterizzati (e continuano ad esserlo) per il loro odio per Berlusconi e Salvini farebbe schizzare in alto gli ascolti.

Ma la RAI no. La RAI vive con i nostri soldi e trovo altamente anacronistico che continui ad affidare un’intera rete agli eredi di quel PCI cui l’aveva concessa decenni fa, quando rappresentava una parte consistente dell’elettorato.

Se proprio la RAI non può fare a meno dei partiti, ridistribuisca le carte alla luce del mutato panorama politico, in modo che i due partiti ora al comando ricevano la stessa rappresentanza che avevano i loro predecessori.



12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Progredire non è trasgredire

L’esperienza di vita dovrebbe averci insegnato che i dieci comandamenti sono cosa buona e giusta anche per i non credenti. Lo stesso dicasi per alcuni valori naturali che stanno alla base di un’ordina

Ecumenismo ed ultra-ecumenismo

La svolta ultra-ecumenica verificatasi con la Dichiarazione di Abu Dhabi (che mette tutte le religioni sullo stesso piano) è frutto esclusivo di questo papato ed ha colto tutti di sorpresa. Non sarei

Omosessualità no, ma....

La recente dichiarazione della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) che nega ai sacerdoti la facoltà di benedire le coppie omosessuali, essendo di un’ovvietà assoluta, era del tutto superflu

Call

T: 

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now