• Giglio Reduzzi

Migranti di ritorno

Se ho capito bene, sino all’avvento di Minniti (prima) e di Salvini (poi), le cose sono andate più o meno così:

Con il paravento della misericordia, noi prendiamo chiunque, buono o cattivo, sbarchi sulle nostre coste.

Però molti immigrati, vedendo che l’Italia non è l’Eldorado che sognavano, scappano in direzione Nord.

Qui prima o poi vengono rintracciati e viene fatta quella selezione che si sarebbe dovuta fare da noi, ma che non è mai stata fatta, e si procede in questo modo:

I buoni sono trattenuti ed i cattivi (fannulloni, delinquenti, ecc.) vengono rispediti nel Paese di primo approdo, cioè da noi.

Salvini si dice pago del fatto che la movimentazione sia a saldo zero, perché l’accordo sarebbe che tanti migranti escono, tanti ne entrano.

A me, che pure sono un estimatore del vice Premier, i conti non tornano, perché i migranti non sono sacchi di sabbia, per cui basta contarne il numero. E difatti ci sono i buoni ed i cattivi.



19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o