• Giglio Reduzzi

Missioni militari estere

Aggiornato il: 29 dic 2018

A proposito dei militari italiani impegnati nelle missioni estere, ci sono un paio di cose che non capisco.

1) Benché ce ne siano molte migliaia, non ho mai visto un manifesto murale od un annuncio di giornale che inviti i ragazzi a chiedere di essere arruolati per queste missioni.

Ho pertanto il sospetto che le autorità militari siano impegnate più a respingere le domande che a sollecitarle.

E che, quindi, i ragazzi siano attratti più dal soldo (che mi dicono essere elevato) che dall’altruismo che dovrebbe sottendere questo tipo di missioni.

Anche se il Capo dello Stato, sente il dovere, ogni tanto, di ringraziarli per i loro…. sacrifici.

2) Altra cosa che non capisco è come questi ragazzi possano addestrare le truppe di un altro Paese, mettiamo arabo, senza conoscere, non dico l’arabo, ma neppure quella specie di lingua passepartout che è diventata l’inglese.

Non dimentichiamo che in Afghanistan c’era stato anche quel Parolisi, ora in prigione (per aver ammazzato la moglie), che a stento parlava italiano.



15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Un fior di occasione

Sergio Mattarella ha sempre detto che al governo voleva un’alleanza coesa? Bene, adesso ha un fior di occasione per farlo, dando l’incarico al Centro-Destra. Infatti non può negare che un governo di C

Il ruolo dell'Opposizione

Francamente non capisco perché il Centro Destra vorrebbe far cadere questo governo, ma al tempo stesso dice che voterà a favore del provvedimento governativo volto, nelle intenzioni, a “ristorare” i l

Mission accomplished

Complice il COVID ho letto un altro di quei libri che in condizioni normali non avrei mai letto (il titolo non mi entusiasmava), ma ora sono contento di averlo fatto. Si tratta de “La capanna di padre

Call

T: 

Contact

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now