• Giglio Reduzzi

Missioni militari estere

Aggiornamento: 29 dic 2018

A proposito dei militari italiani impegnati nelle missioni estere, ci sono un paio di cose che non capisco.

1) Benché ce ne siano molte migliaia, non ho mai visto un manifesto murale od un annuncio di giornale che inviti i ragazzi a chiedere di essere arruolati per queste missioni.

Ho pertanto il sospetto che le autorità militari siano impegnate più a respingere le domande che a sollecitarle.

E che, quindi, i ragazzi siano attratti più dal soldo (che mi dicono essere elevato) che dall’altruismo che dovrebbe sottendere questo tipo di missioni.

Anche se il Capo dello Stato, sente il dovere, ogni tanto, di ringraziarli per i loro…. sacrifici.

2) Altra cosa che non capisco è come questi ragazzi possano addestrare le truppe di un altro Paese, mettiamo arabo, senza conoscere, non dico l’arabo, ma neppure quella specie di lingua passepartout che è diventata l’inglese.

Non dimentichiamo che in Afghanistan c’era stato anche quel Parolisi, ora in prigione (per aver ammazzato la moglie), che a stento parlava italiano.



15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o