• Giglio Reduzzi

No English No party

Quando mi affidarono i mercati del Nord America, tra le prime informazioni che mi diedero c’era quella secondo cui i migliori affari li avrei fatti, non in ufficio, ma al bar o sui campi di golf.

Per cui, alla indispensabile conoscenza dell’inglese, dovetti aggiungere qualche nozione di quello sport, a me sconosciuto.

L’informazione si rivelò esatta.

Le prime simpatie mi arrivarono quando dichiarai che, per quel particolare tiro, io avrei usato una mazza di ferro numero sei.

L’avevo sparata a caso, ma pare fosse la più indicata.

Poi andammo al bar e lì, tra una barzelletta e l’altra, ottenni il mio primo ordine.

(A proposito di barzellette, ricordo che, siccome io vendevo un prodotto piuttosto caro, ero solito citare il caso della torre di Pisa, che -sostenevo- era venuta su storta proprio perché la committenza aveva assegnato i lavori delle fondamenta a chi aveva fatto l’offerta più bassa.)

Poiché immagino che in politica le cose si svolgano più o meno come nel mondo degli affari, continuo a domandarmi come potrà mai l’Italia attirarsi le simpatie dei suoi partner europei, quando, terminata la riunione dei ministri degli esteri, questi si ritrovano al bar (che, come abbiamo visto, è il luogo dove si intrecciano le amicizie), ma dove il ministro italiano non potrà mai mettere piede, perché forse conosce le barzellette, ma non l’inglese.

6 visualizzazioni

Call

T: 

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now