• Giglio Reduzzi

Non era una buona idea

Vedo con piacere che ormai anche i più accaniti sostenitori della politica di totale apertura agli emigranti hanno smesso da tempo di diffondere i loro nefasti messaggi.

Forse si sono accorti che aver costretto gli italiani a convivere con mezzo milione di immigrati senza cultura o con una cultura tanto diversa dalla nostra non è stata una buona idea.

Sta di fatto che adesso ce li dobbiamo tenere, perché nessuno dei Paesi nostri vicini li vuole.

Una volta facevamo spallucce al loro ingresso perché eravamo convinti che tanto se ne sarebbero andati al nord.

Adesso ci rendiamo conto che, non solo dobbiamo tenerceli, ma dobbiamo anche fare in modo che si trovino bene, onde evitare che compiano atti contrari alla nostra cultura ed alle nostre leggi.

Che cioè abbiano una casa ed un lavoro.

Mandino i figli a scuola e li facciano vaccinare.

Abbiano un posto decente per pregare.

Ricevano tutte le cure mediche necessarie.

Il tutto a scapito dell’assistenza dovuta agli italiani, ai quali, in cambio della forzata convivenza, viene chiesto una quantità incredibile di tasse, tant’è che alcuni non ce la fanno a pagarle e scappano via.

Mentre alcuni milioni rimangono qui ma mangiano alla mensa della Caritas.


18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se