• Giglio Reduzzi

Note per il Capo dello Stato

Le due o tre cosette che la Storia rimprovererà al capo dello Stato in carica sono, a mio avviso,:

  • non aver capito che nel 2018, con la nomina a deputato di 300 ragazzi in cerca di prima occupazione e digiuni di politica, il Parlamento aveva cambiato volto e non era più l’esclusivo club londinese di prima;

  • non era possibile affidare le sorti del Paese a questi ragazzi, anche se accompagnati. A maggior ragione quando, scoppiata l’epidemia, il governo avrebbe dovuto essere composto dai miglior esperti di organizzazione;

  • non aver capito che l’attuale Premier (anche lui nuovo del mestiere), se era sopportabile quando si limitava a fare il sensale, non lo è più ora che, convinto di essere diventato uno statista, minaccia (come dice Renzi) di fare di testa sua;

  • ma, soprattutto, non aver capito che questi trecento ragazzi baciati dalla fortuna, come hanno cambiato alleanza una volta, così sono pronti a farlo una seconda volta, perché, più che le sanzioni di Mattarella, temono il mattarello della moglie/compagna alla quale hanno cointestato il mutuo prima casa.

Con buona pace del loro pretesto di voler operare per il bene del Paese.

68 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è