• Giglio Reduzzi

Note per il Capo dello Stato

Le due o tre cosette che la Storia rimprovererà al capo dello Stato in carica sono, a mio avviso,:

  • non aver capito che nel 2018, con la nomina a deputato di 300 ragazzi in cerca di prima occupazione e digiuni di politica, il Parlamento aveva cambiato volto e non era più l’esclusivo club londinese di prima;

  • non era possibile affidare le sorti del Paese a questi ragazzi, anche se accompagnati. A maggior ragione quando, scoppiata l’epidemia, il governo avrebbe dovuto essere composto dai miglior esperti di organizzazione;

  • non aver capito che l’attuale Premier (anche lui nuovo del mestiere), se era sopportabile quando si limitava a fare il sensale, non lo è più ora che, convinto di essere diventato uno statista, minaccia (come dice Renzi) di fare di testa sua;

  • ma, soprattutto, non aver capito che questi trecento ragazzi baciati dalla fortuna, come hanno cambiato alleanza una volta, così sono pronti a farlo una seconda volta, perché, più che le sanzioni di Mattarella, temono il mattarello della moglie/compagna alla quale hanno cointestato il mutuo prima casa.

Con buona pace del loro pretesto di voler operare per il bene del Paese.

68 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi. E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età. Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incor

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo