• Giglio Reduzzi

Papa Francesco è "cristiano"?

Aggiornato il: 20 ott 2020

Qualche anno fa chiesero a papa Francesco se fosse davvero “cattolico”.

La domanda era oziosa, perché era evidente che lo fosse.

E difatti egli rispose in modo deciso (ed anche un po’ risentito) di esserlo, perché egli era stato eletto nell’ambito della Chiesa cattolica e non aveva mai preteso di rappresentare altre confessioni.

Però, nel corso del suo pontificato, egli ha manifestato una inaspettata propensione a considerare fratelli anche i capi delle altre confessioni religiose, comprese quelle non cristiane.

Così facendo, non solo egli è sceso un gradino sotto lo status di “primus inter pares” su cui l’avevano posto gli anglicani, ma si è messo sullo stesso piano persino del suo amico, il grande Imam dell'Università del Cairo.

Quindi la vera domanda da fargli non è se egli sia cattolico, ma, se mai, se sia ancora “cristiano”. Visto, tra l'altro, che non si considera vicario di Cristo.

La sua potrebbe addirittura configurare una svolta legittima (lo dubito), ma certamente si tratta di una svolta radicale ed anche inaspettata, perché contraria a tutto quanto ci era stato raccontato da piccoli (la nostra è l’unica confessione religiosa “giusta”…. il mondo finirà solo quando tutti gli uomini saranno diventati cattolici….).

Certamente non è la svolta che si aspettavano gli europei.

In particolare non è la svolta che ci aspettavamo noi italiani, visto che le coste della nostra penisola sono tuttora costellate da 700 torri difensive, tutte erette in funzione anti-saracena (cioè anti-islamica).

Quando nel 1480 i saraceni entrarono ad Otranto, tagliarono la testa a tutti gli 813 abitanti che si erano rifiutati di convertirsi all’Islam.

E papa Francesco questo lo sa bene perché il 12 maggio del 2013 li fece tutti santi, dando luogo alla più grande canonizzazione collettiva di tutti i tempi.

Alla luce di quanto precede mi sembra ovvio che siamo in presenza di una svolta dal carattere decisamente rivoluzionario, almeno per quanto riguarda l’Europa.

Un po’ meno per quanto concerne il continente sud-americano, dove le aggressioni islamiche non sono mai avvenute e nessun musulmano ha mai tagliato la testa a nessuno.

Il che può aver avuto qualche influenza sulla condotta del presente pontificato.

(I conflitti che hanno caratterizzato quel continente sono d’altra natura e riguardano, come si sa, la deforestazione dell’Amazzonia e la secolare lotta dei campesinos contro i proprietari terrieri.)

47 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Un fior di occasione

Sergio Mattarella ha sempre detto che al governo voleva un’alleanza coesa? Bene, adesso ha un fior di occasione per farlo, dando l’incarico al Centro-Destra. Infatti non può negare che un governo di C

Il ruolo dell'Opposizione

Francamente non capisco perché il Centro Destra vorrebbe far cadere questo governo, ma al tempo stesso dice che voterà a favore del provvedimento governativo volto, nelle intenzioni, a “ristorare” i l

Mission accomplished

Complice il COVID ho letto un altro di quei libri che in condizioni normali non avrei mai letto (il titolo non mi entusiasmava), ma ora sono contento di averlo fatto. Si tratta de “La capanna di padre

Call

T: 

Contact

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now