• Giglio Reduzzi

Papa o leader politico?

E’ da quando, appena eletto Papa, ci ha salutato con quel “Buona Sera”, invece che con “Sia lodato Gesù Cristo” che ci è apparso chiaro sin dall’inizio come, più che ad un capo religioso, fossimo davanti ad un leader politico.

Ed è stato proprio così per tutti i successivi otto anni.

L’ultima prova ce la fornita il giorno di Natale quando, invece di lamentare la mancanza di vocazioni religiose, frequentazione delle chiese, accesso ai sacramenti, ci ha laicamente spronato ad incrementare il saggio di natalità.

E condendo la sua raccomandazione con quella, divenuta ossessiva (e criticata persino nel suo inner circle), dell’accoglienza no limit ai migranti.

97 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o