• Giglio Reduzzi

Paradosso italiano

Come se le calamità naturali non bastassero, ce ne creiamo altre con le nostre mani.

Per esempio, costruiamo una burocrazia gigantesca, assumendo venti persone -ed inventando altrettanti passaggi- dove ne basterebbero due.

Poi ci accorgiamo che la struttura è troppo grande ed è più d’intralcio che d’aiuto.

Allora cerchiamo affannosamente di bypassarla creandone una più snella, chiamata “commissariale”.

Più paradosso di così.

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se