• Giglio Reduzzi

Pejo 'l tacon del buso

I sondaggi parlano chiaro: a fronte di un partito che avanza (quello di Salvini) e di quelli che indietreggiano (FI, M5S), ce n’è uno che non va né avanti né indietro.

E’ il PD, cui gli odierni sondaggi attribuiscono gli stessi voti (circa 18%) di quanti ne aveva il 4 marzo scorso.

La cosa non meraviglia.

Il PD nasce dalla fusione degli ex comunisti con i cattolici del PPI.

I quali ultimi non voteranno mai Salvini perché temono, così facendo, di andare contro la Gerarchia (notoriamente anti-Salvini) e quindi di fare peccato (con tutte le conseguenze ultra-terrene del caso).

L’unico evento che potrebbe indurli a cambiare idea è che, raccogliendo l’appello di don Luigi Sturzo, recentemente richiamato dal card. Gualtiero Bassetti, a qualcuno venga in mente di rifondare il vecchio PPI, sia pure sotto diversa denominazione.

Peccato che, in questo caso, in luogo di un solo partito del 18%, ne avremmo due, destinati entrambi all’irrilevanza.

L’unico a trarne vantaggio sarebbe Salvini.

Cioè proprio colui che la Gerarchia cerca inutilmente di demonizzare.

Insomma un tacon che si rivelerebbe peggiore del buso.

37 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o