• Giglio Reduzzi

Perchè i ministri non si dimettono

Una volta i ministri si dimettevano senza pensarci due volte, perché sapevano che, così facendo, sarebbero andati incontro ad una o l’altra delle seguenti situazioni:

  • sarebbero stati liberi di tornare full time alla loro - altrettanto lucrosa- occupazione privata;

  • avrebbero assunto un -ugualmente prestigioso- incarico nel governo successivo;

  • sarebbero stati chiamati a svolgere un ruolo guida in una grande azienda.

Purtroppo i ministri di adesso (e la stessa cosa vale per un folto gruppo di deputati) non possono contare su nessuna di queste opportunità.

Perché meravigliarci del loro attaccamento alla poltrona?

Dimettendosi dovrebbero ipso facto rinunciare al loro stipendio da nababbo ed a tutti i privilegi connessi alla carica.

E’ logico che -più che le iniziative del Presidente Mattarella- temano il mattarello della moglie.

Nessun imprenditore è in paziente attesa che i ministri Azzolina, De Micheli e Bonafede si rendano disponibili, onde affidare loro la direzione rispettivamente degli uffici Acquisti , Trasporti e Affari legali.

41 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Salvini offre l'altra guancia

Immagino che, votando sì all’ennesimo scostamento di bilancio, il Centro-Destra abbia avuto la sua bella convenienza, come dicono a Genova. Finora, con i precedenti scostamenti, non l’ha avuta. Certo

A.A.A. Cercasi manager

Quei bravi managers che il governo centrale ritiene non esserci in Calabria (per cui la inonda di commissari) sono invece massicciamente presenti in tutte le istituzioni pubbliche delle Regioni setten

Arriva il vaccino!

Non vedo alcun motivo di esultare all’annuncio del nuovo vaccino Pfizer, anche se certo non mi sottrarrò al suo uso. Se osservo tutte le restrizioni (che, per una persona anziana, non sono molto gravo

Call

T: 

Contact

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now