• Giglio Reduzzi

Perchè i ministri non si dimettono

Una volta i ministri si dimettevano senza pensarci due volte, perché sapevano che, così facendo, sarebbero andati incontro ad una o l’altra delle seguenti situazioni:

  • sarebbero stati liberi di tornare full time alla loro - altrettanto lucrosa- occupazione privata;

  • avrebbero assunto un -ugualmente prestigioso- incarico nel governo successivo;

  • sarebbero stati chiamati a svolgere un ruolo guida in una grande azienda.

Purtroppo i ministri di adesso (e la stessa cosa vale per un folto gruppo di deputati) non possono contare su nessuna di queste opportunità.

Perché meravigliarci del loro attaccamento alla poltrona?

Dimettendosi dovrebbero ipso facto rinunciare al loro stipendio da nababbo ed a tutti i privilegi connessi alla carica.

E’ logico che -più che le iniziative del Presidente Mattarella- temano il mattarello della moglie.

Nessun imprenditore è in paziente attesa che i ministri Azzolina, De Micheli e Bonafede si rendano disponibili, onde affidare loro la direzione rispettivamente degli uffici Acquisti , Trasporti e Affari legali.

44 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se

I "Salvataggi" delle ONG

Sono passati anni da quando una brava persona come il card. Robert Sarah, arcivescovo senegalese, rivelò al mondo come avveniva (e tuttora avviene) il trasferimento via gommone dei clandestini dalle c

E dovremmo pure vantarcene?

Riassumendo: 1. Il controllo dei confini è sospeso. Chiunque bussi alla nostra porta è benvenuto. Se hai vent’anni, ma dichiari di averne sedici, ti crediamo sulla parola. I documenti non servono.