• Giglio Reduzzi

Pericolose scintille


Non è certo una novità che il Nord produttivo sia amministrato, dal punto di vista burocratico, da uomini del Centro-Sud.

Infatti sulle impalcature degli edifici in costruzione nel settentrione si sono sempre trovati capomastri e muratori del posto, mentre negli uffici pubblici (Prefetture, Questure, Tribunali e Agenzia delle Entrate) si sono sempre incontrati uomini del Centro-Sud.

E’ però la prima volta nella storia repubblicana che anche il governo centrale è appannaggio esclusivo di persone del Centro-Sud.

Infatti non c’è un solo componente, nella pur affollata compagine governativa, che provenga dalle Regioni settentrionali, nonostante esse coincidano (a giudizio unanime) con le aree industrialmente più avanzate del Paese.

E già questo fatto dovrebbe, se mai, aver consigliato la scelta opposta, a prescindere dalle considerazioni di ordine ideologico.

Pertanto non mi meraviglia che ogni tanto scoppino scintille nelle relazioni tra governo centrale e governatori del Nord.

Ma certo rimango perplesso quando vedo che ad attizzare il fuoco è un rappresentante (tipo Francesco Boccia) di quell’esecutivo centrale che avrebbe tutto l’interesse a non inimicarsi i governatori delle aree più produttive del Paese.

Tanto più che esse sono guidate da quella Lega che -non dimentichiamocelo- era nata secessionista.

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se