• Giglio Reduzzi

Pericolose scintille


Non è certo una novità che il Nord produttivo sia amministrato, dal punto di vista burocratico, da uomini del Centro-Sud.

Infatti sulle impalcature degli edifici in costruzione nel settentrione si sono sempre trovati capomastri e muratori del posto, mentre negli uffici pubblici (Prefetture, Questure, Tribunali e Agenzia delle Entrate) si sono sempre incontrati uomini del Centro-Sud.

E’ però la prima volta nella storia repubblicana che anche il governo centrale è appannaggio esclusivo di persone del Centro-Sud.

Infatti non c’è un solo componente, nella pur affollata compagine governativa, che provenga dalle Regioni settentrionali, nonostante esse coincidano (a giudizio unanime) con le aree industrialmente più avanzate del Paese.

E già questo fatto dovrebbe, se mai, aver consigliato la scelta opposta, a prescindere dalle considerazioni di ordine ideologico.

Pertanto non mi meraviglia che ogni tanto scoppino scintille nelle relazioni tra governo centrale e governatori del Nord.

Ma certo rimango perplesso quando vedo che ad attizzare il fuoco è un rappresentante (tipo Francesco Boccia) di quell’esecutivo centrale che avrebbe tutto l’interesse a non inimicarsi i governatori delle aree più produttive del Paese.

Tanto più che esse sono guidate da quella Lega che -non dimentichiamocelo- era nata secessionista.

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è