• Giglio Reduzzi

Porporati bergogliani

Non ci resta che rassegnarci.

E’ la conclusione cui sono giunto dopo aver passato in rassegna la lista dei nuovi porporati e letto i commenti dei giornalisti definiti “vaticanisti”.

Tutti i neo cardinali sono etichettati come “bergogliani”.

Il che vuol dire che chi di noi riteneva che il presente pontificato fosse una specie di pausa pranzo, dopo di che avemmo di nuovo avuto un pontificato in stile tradizionale, si sbagliava di grosso.

Infatti, con l’ultima infornata di porporati, il relativismo etico proprio di questo pontificato sembra destinato a continuare (e magari a radicalizzarsi) con il Papa che uscirà dal prossimo conclave.

Pazienza. Ci eravamo illusi.

Io però continuerò a frequentare la Chiesa, come mi avevano insegnato a fare da piccolo, a costo di farmi insultare.

Se però fossi più giovane ed abitassi in una cittadina americana, dove è normale trovarsi di fronte ad una pluralità di confessioni religiose, ci penserei bene prima di scegliere quella cattolica!

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o