• Giglio Reduzzi

Premier inadatto

Aggiornato il: 9 apr 2020

Dicevano che Berlusconi era inadatto (unfit) a governare.

Forse che Conte lo è?

Il suo zigzagare da una posizione estremistica all’altra, in materia di coronavirus, non è dovuto al carattere inedito del fenomeno, ma al fatto che lui è costituzionalmente inadatto al ruolo.

Infatti fece esattamente la stessa cosa quando si trattò di elaborare la manovra di bilancio, che non era nulla di nuovo.

Al mattino annunciava una tassa e la sera la cancellava; oppure ne rinviava l’applicazione a metà anno, a seconda della reazione che suscitava l’annuncio del mattino. Improvvido anche quello.

Le riunioni che convoca a Palazzo Chigi durano tredici ore. Quelle che ne durano solo tre vengono definite “sveltine”.

Siamo di fronte ad una crisi che farebbe tremare le vene ed i polsi anche ad uno statista come Alcide De Gasperi.

Figuriamoci quale effetto essa possa avere su di un Premier che nel suo curriculum non reca traccia di alcuna previa esperienza politica, nonostante la riconosciuta infiorettatura.

Se mai meraviglia che il Capo dello Stato lo lasci fare.

Lui di sua iniziativa non farà mai un passo indietro. Troppo ambizioso per farlo.

L’ho visto recarsi a Palazzo Chigi: camminava in mezzo alla strada circondato da una mezza dozzina di guardie del corpo, alcune delle quali camminavano all’indietro, per assicurargli una maggiore copertura.

Quando mai riceverà un trattamento del genere, dopo che sarà tornato a vita privata?

Prima se ne va meglio è.



39 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Salvini "Defensor Fidei" ?

Coloro che esprimono meraviglia per il fatto che Salvini sia rimasto l’unico (insieme all’ex boyscout Renzi) a difendere i valori del cristianesimo nell’aula del Senato dimostrano di avere la memori

L'uomo dei record

Esiste un uomo che è diventato Premier di un grande Paese senza aver mai fatto politica, neppure a livello comunale? Sì, è italiano e si chiama Giuseppe Conte. Esiste un uomo capace, in due anni conse

Nuove delusioni

La mia passione per la politica viene da lontano. Quando i miei compagni d’università andavano in Svezia per godere della maggior libertà sessuale ivi praticata, io, cretino, andavo a Londra per veder