• Giglio Reduzzi

Prima no, ora sì


Leggo sui giornali che, se alle elezioni amministrative di settembre i partiti ora al governo dovessero perdere altre Regioni, il Capo dello Stato si vedrebbe costretto ad anticipare le elezioni politiche.

A parte il fatto che io personalmente sarei felice se ciò avvenisse, magari anche prima, non vedo perché, mentre tutte le numerose elezioni amministrative precedenti non hanno avuto alcuna conseguenza sul governo, queste di settembre dovrebbero averne.

Tanto più che, tra le elezioni svolte in precedenza ce n’era una (quella europea) che aveva una grandissima valenza politica.

Cosa c’è di più genuinamente “politico” di una votazione europea?

Bastava che Sergio Mattarella esaminasse la questione da un punto di vista sostanziale (e non puramente formale) ed ora non ci troveremmo in questa angosciante situazione.

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se