• Giglio Reduzzi

Qui pro quo


Ho seguito in diretta le prime due testimonianze rese nella causa di Impeachment che i Democratici USA hanno promosso a carico del Presidente Trump.

Ho così notato che, per definire in modo elegante lo scambio di favori proposto da Trump al presidente ucraino, è stata usata l’espressione latina di “qui pro quo”, che vuol dire “equivoco”, mentre quella giusta avrebbe dovuto essere “do ut des”.

Mi pare che, tra gli opinionisti televisivi, solo Maria Luisa Rossi Hawkins l’abbia rilevato, sebbene l’espressione sia stata usata decine di volte e riportata sullo schermo con tanto di (errata) interpretazione.

Direi che peggio di così le audizioni non potevano cominciare.

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Progredire non è trasgredire

L’esperienza di vita dovrebbe averci insegnato che i dieci comandamenti sono cosa buona e giusta anche per i non credenti. Lo stesso dicasi per alcuni valori naturali che stanno alla base di un’ordina

Ecumenismo ed ultra-ecumenismo

La svolta ultra-ecumenica verificatasi con la Dichiarazione di Abu Dhabi (che mette tutte le religioni sullo stesso piano) è frutto esclusivo di questo papato ed ha colto tutti di sorpresa. Non sarei

Omosessualità no, ma....

La recente dichiarazione della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) che nega ai sacerdoti la facoltà di benedire le coppie omosessuali, essendo di un’ovvietà assoluta, era del tutto superflu

Call

T: 

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now