top of page
  • Immagine del redattoreGiglio Reduzzi

Qui pro quo


Ho seguito in diretta le prime due testimonianze rese nella causa di Impeachment che i Democratici USA hanno promosso a carico del Presidente Trump.

Ho così notato che, per definire in modo elegante lo scambio di favori proposto da Trump al presidente ucraino, è stata usata l’espressione latina di “qui pro quo”, che vuol dire “equivoco”, mentre quella giusta avrebbe dovuto essere “do ut des”.

Mi pare che, tra gli opinionisti televisivi, solo Maria Luisa Rossi Hawkins l’abbia rilevato, sebbene l’espressione sia stata usata decine di volte e riportata sullo schermo con tanto di (errata) interpretazione.

Direi che peggio di così le audizioni non potevano cominciare.

14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Magistrati e Migranti

Perché il giudice di Catania sbaglia. Non è in suo potere verificare la compatibilità delle leggi ordinarie italiane con il diritto comunitario. Al massimo, se vuole, può raffrontarle con la Costituzi

Matteo Messina Denaro

Martedì sera (25 settembre) RAI3 ha dedicato tutta la prima serata per celebrarne la cattura. Non capisco perché l’abbia fatto. L’arresto del capo mafia costituisce un fatto eccezionale di per sé, ma

La Prudenza della Premier

Qualche volta capita anche a me di chiedermi come mai la signora Meloni, ora che è al governo, non faccia le stesse cose che diceva avrebbe fatto quando era in campagna elettorale, specie in materia d

bottom of page