• Giglio Reduzzi

Qui pro quo


Ho seguito in diretta le prime due testimonianze rese nella causa di Impeachment che i Democratici USA hanno promosso a carico del Presidente Trump.

Ho così notato che, per definire in modo elegante lo scambio di favori proposto da Trump al presidente ucraino, è stata usata l’espressione latina di “qui pro quo”, che vuol dire “equivoco”, mentre quella giusta avrebbe dovuto essere “do ut des”.

Mi pare che, tra gli opinionisti televisivi, solo Maria Luisa Rossi Hawkins l’abbia rilevato, sebbene l’espressione sia stata usata decine di volte e riportata sullo schermo con tanto di (errata) interpretazione.

Direi che peggio di così le audizioni non potevano cominciare.

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Da che parte sta Dio?

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Come riconoscere i migranti "buoni"

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi. E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età. Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incor

Auspici per il Nuovo Anno

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo