• Giglio Reduzzi

Qui pro quo


Ho seguito in diretta le prime due testimonianze rese nella causa di Impeachment che i Democratici USA hanno promosso a carico del Presidente Trump.

Ho così notato che, per definire in modo elegante lo scambio di favori proposto da Trump al presidente ucraino, è stata usata l’espressione latina di “qui pro quo”, che vuol dire “equivoco”, mentre quella giusta avrebbe dovuto essere “do ut des”.

Mi pare che, tra gli opinionisti televisivi, solo Maria Luisa Rossi Hawkins l’abbia rilevato, sebbene l’espressione sia stata usata decine di volte e riportata sullo schermo con tanto di (errata) interpretazione.

Direi che peggio di così le audizioni non potevano cominciare.

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Salvini "Defensor Fidei" ?

Coloro che esprimono meraviglia per il fatto che Salvini sia rimasto l’unico (insieme all’ex boyscout Renzi) a difendere i valori del cristianesimo nell’aula del Senato dimostrano di avere la memori

L'uomo dei record

Esiste un uomo che è diventato Premier di un grande Paese senza aver mai fatto politica, neppure a livello comunale? Sì, è italiano e si chiama Giuseppe Conte. Esiste un uomo capace, in due anni conse

Nuove delusioni

La mia passione per la politica viene da lontano. Quando i miei compagni d’università andavano in Svezia per godere della maggior libertà sessuale ivi praticata, io, cretino, andavo a Londra per veder