• Giglio Reduzzi

Recovery Fund: nulla da applaudire

Aggiornamento: 29 lug 2020

Il varo del Recovery Fund è indubbiamente un evento storico.

L’UE nasce adesso. Prima avevamo scherzato.

Infatti è la prima volta che l’Unione fa qualcosa attingendo ad un fondo comune, anche se alimentato pro quota dai singoli Paesi.

Il che dà prova di una certa vitalità, anche se non è quell’evento positivo che i parlamentari italiani di sinistra hanno festeggiato con l’applauso più lungo della storia.

Tutt’altro.

Se infatti è la prima volta che ci danno dei soldi, è anche la prima volta che istituiscono una task force per indicarci come spenderli.

Ed è naturale che lo facciano, dato che neppure il nostro governo sa come spenderli e parla anche lui di istituire una task force con il medesimo scopo.

Del resto, come fai a fidarti di un Paese che ha avuto 62 governi in 75 anni?

Quindi il varo del Recovery Fund corrisponde già adesso, senza aspettare la Troika, ad una perdita di sovranità dell’Italia a favore dell’UE.

Il che può far felice solo chi, a sinistra, ha già dato ampie prove di non amare il nostro Paese, lasciando il governo nelle mani più incapaci che si siano ma viste prima.

Per gli altri non c’è nulla da applaudire.


10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è

Un imbarazzato Segretario di Stato vaticano ha appena annunciato che tra due giorni Papa Francesco andrà a Manama, capitale del Bahrain. La notizia è piombata sugli ascoltatori come un fulmine a ciel