• Giglio Reduzzi

Recovery Fund: nulla da applaudire

Aggiornato il: lug 29

Il varo del Recovery Fund è indubbiamente un evento storico.

L’UE nasce adesso. Prima avevamo scherzato.

Infatti è la prima volta che l’Unione fa qualcosa attingendo ad un fondo comune, anche se alimentato pro quota dai singoli Paesi.

Il che dà prova di una certa vitalità, anche se non è quell’evento positivo che i parlamentari italiani di sinistra hanno festeggiato con l’applauso più lungo della storia.

Tutt’altro.

Se infatti è la prima volta che ci danno dei soldi, è anche la prima volta che istituiscono una task force per indicarci come spenderli.

Ed è naturale che lo facciano, dato che neppure il nostro governo sa come spenderli e parla anche lui di istituire una task force con il medesimo scopo.

Del resto, come fai a fidarti di un Paese che ha avuto 62 governi in 75 anni?

Quindi il varo del Recovery Fund corrisponde già adesso, senza aspettare la Troika, ad una perdita di sovranità dell’Italia a favore dell’UE.

Il che può far felice solo chi, a sinistra, ha già dato ampie prove di non amare il nostro Paese, lasciando il governo nelle mani più incapaci che si siano ma viste prima.

Per gli altri non c’è nulla da applaudire.


10 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Un risultato insperato

Avete notato che la Sinistra non è più filo-palestinese, come è sempre stata in passato? La svolta è coincisa con la nomina a senatrice a vita della signora Liliana Segre (2019) e la creazione della C

Tecniche comunicative

Stranamente le tecniche comunicative di Papa Francesco e di Giuseppe Conte sono identiche. Ogni qualvolta i due hanno un’idea nuova, prima la fanno filtrare informalmente, per vedere l’effetto che sus

Call

T: 

Contact

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now