• Giglio Reduzzi

Remote working

Aggiornamento: 25 mag 2020

L’epidemia degli ultimi tre mesi ha messo in ulteriore evidenza i vantaggi di lavorare per lo Stato: zero reddito per i lavoratori privati, stipendio inalterato per i dipendenti pubblici.

Già prima dell’epidemia faceva scandalo che l’artigiano veneto non trovasse saldatori, mentre ogni volta che c’era un concorso pubblico bisognava affittare uno stadio per far posto a tutti i concorrenti.

Ora il divario è ancora più evidente.

Ma non è finita.

L’epidemia ha fatto scoprire la bellezza di lavorare da casa.

Per cui c’è un ministro che sta pensando di introdurre il “remote working” anche nella Pubblica Amministrazione (peraltro l’unico mondo che il governo attuale conosce).

Per cui, coraggio lavoratori del pubblico: d’ora in poi non avrete più neppure il disturbo di timbrare il cartellino, o farlo timbrare.

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o