• Giglio Reduzzi

Renzi ed i "giochi di palazzo"

Dicendo che la presente legislatura finirà nel 2023, ma non necessariamente con Giuseppe Conte nel ruolo di Premier, Matteo Renzi ha reso esplicito, per chi ancora non l’avesse capito, che in quel ruolo ci vuole andare lui.

Al che i suoi compagni di strada del PD e del M5S hanno subito obbiettato che di sostituire Conte non se ne parla, perché quando cade il Premier si va alle urne.

Proprio così. La stessa frase che aveva pronunciato Matteo Salvini e che aveva suscitato tanto clamore a sinistra, perché considerata uno sfregio a Sergio Mattarella ed alla Costituzione.

Evidentemente, la stessa frase, in bocca a loro cessa di essere un insulto.

I soliti due pesi e due misure.

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se