• Giglio Reduzzi

Renzi ed i "giochi di palazzo"

Dicendo che la presente legislatura finirà nel 2023, ma non necessariamente con Giuseppe Conte nel ruolo di Premier, Matteo Renzi ha reso esplicito, per chi ancora non l’avesse capito, che in quel ruolo ci vuole andare lui.

Al che i suoi compagni di strada del PD e del M5S hanno subito obbiettato che di sostituire Conte non se ne parla, perché quando cade il Premier si va alle urne.

Proprio così. La stessa frase che aveva pronunciato Matteo Salvini e che aveva suscitato tanto clamore a sinistra, perché considerata uno sfregio a Sergio Mattarella ed alla Costituzione.

Evidentemente, la stessa frase, in bocca a loro cessa di essere un insulto.

I soliti due pesi e due misure.

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o