• Giglio Reduzzi

Ristori che non ristorano

E’ normale che i ristori non ristorino.

Sappiamo tutti che questo è un governo di sinistra monitorato da un signore che si sforza, con scarso successo, di essere imparziale.

Sappiamo anche che tutti i ministri, nessuno escluso, oltre ad essere di sinistra, non hanno familiarità con il mondo delle aziende private, salvo quelle (che però non sono vere aziende) che fioriscono in ambiente romano e si costituiscono in fretta e furia solo quando c’è qualche grosso acquisto da fare, dopo di che si sciolgono come neve al sole.

La terza cosa che sappiamo è che la sinistra da sempre vede le aziende private come fumo negli occhi e molti ministri vorrebbero addirittura nazionalizzarle.

Anzi, in alcuni casi, hanno già cominciato a farlo.

In queste condizioni come si può ragionevolmente pensare che, in presenza di un’epidemia, un governo di questo tipo possa invece ristorare le aziende, mandando loro dei soldi?

Non è un caso che i cosiddetti ristori, oltre ad essere insufficienti, arrivino con il contagocce con decreti denominati Ristori 1, Ristori bis, Ristori ter, Ristori quater.

E’ inutile arrabbiarsi: la botte dà il vino che ha.

38 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o