• Giglio Reduzzi

Salvo intese

Dato che anch’io ero curioso (quanto immagino lo siate voi) di sapere cosa diavolo volesse dire quell’espressione, sono andato a cercarne il significato su Internet, dove ho trovato questa definizione:

“significa semplicemente che ancora non c'è un testo definitivo degli articolati, che potranno così essere riveduti e corretti prima dell'invio al Parlamento.

E' una procedura che negli ultimi anni è stata adottata dai con sempre maggiore frequenza e che permette di rispettare formalmente le scadenze (in questo caso si doveva inviare a Bruxelles il Documento Programmatico di Bilancio entro la mezzanotte del 15 ottobre) e di dare al contempo all'esecutivo più tempo per redigere i testi, ma anche per sciogliere nodi tecnici e politici.

Tutto chiaro: la manovra c’è, ma al tempo stesso non c’è.

Dunque potete modificarla a vostro piacimento.

A Roma si dice. “Qui lo dico e qui lo nego”.

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se