• Giglio Reduzzi

Scommetto che vince il NO

Non mi meraviglierei se al referendum sul taglio dei parlamentari vincesse il NO, benché entrambi gli opposti schieramenti a suo tempo si siano espressi a favore del predetto taglio.

La verità è che quel SI’ fu pronunciato, per l’appunto, a quel tempo, cioè in un’epoca che, in base ai ritmi attuali, può già considerarsi lontana.

Inoltre non è un mistero che molti deputati abbiano votato a favore del taglio molto obtorto collo, vuoi per disciplina di partito, vuoi per altre ragioni.

Ragioni che però, nel segreto delle urne, scompaiono tutte come neve al sole.

I primi a non voler più il taglio dei parlamentari sono i deputati del M5S, che vedrebbero ridursi notevolmente la possibilità di essere rieletti, tagliando il ramo su cui stanno (comodamente) seduti.

Subito dopo vengono i deputati della Lega, anche se per loro, che hanno il vento in poppa, non sussiste il timore di non essere rieletti.

Per loro prevale la questione di principio. Cioè l’ideologia.

Non a caso Matteo Salvini ha lasciato che a pronunciare il primo NO fosse Giancarlo Giorgetti, considerato l’ideologo del partito.

Dei deputati del PD sappiamo tutti che i No uguagliano o superano la linea ufficiale dei SI.

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Da che parte sta Dio?

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Come riconoscere i migranti "buoni"

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi. E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età. Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incor

Auspici per il Nuovo Anno

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo