• Giglio Reduzzi

Scommetto che vince il NO

Non mi meraviglierei se al referendum sul taglio dei parlamentari vincesse il NO, benché entrambi gli opposti schieramenti a suo tempo si siano espressi a favore del predetto taglio.

La verità è che quel SI’ fu pronunciato, per l’appunto, a quel tempo, cioè in un’epoca che, in base ai ritmi attuali, può già considerarsi lontana.

Inoltre non è un mistero che molti deputati abbiano votato a favore del taglio molto obtorto collo, vuoi per disciplina di partito, vuoi per altre ragioni.

Ragioni che però, nel segreto delle urne, scompaiono tutte come neve al sole.

I primi a non voler più il taglio dei parlamentari sono i deputati del M5S, che vedrebbero ridursi notevolmente la possibilità di essere rieletti, tagliando il ramo su cui stanno (comodamente) seduti.

Subito dopo vengono i deputati della Lega, anche se per loro, che hanno il vento in poppa, non sussiste il timore di non essere rieletti.

Per loro prevale la questione di principio. Cioè l’ideologia.

Non a caso Matteo Salvini ha lasciato che a pronunciare il primo NO fosse Giancarlo Giorgetti, considerato l’ideologo del partito.

Dei deputati del PD sappiamo tutti che i No uguagliano o superano la linea ufficiale dei SI.

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è