• Giglio Reduzzi

Silvana De Mari

Adoro gli articoli di Silvana De Mari.

Sia per la profondità dei pensieri che per l’eleganza del linguaggio con cui li esprime.

Essi da soli giustificano l’acquisto del giornale (La Verità).

Benché l’autrice vada senz’altro annoverata tra i critici dell’attuale Papa, ciò che la differenzia dagli altri esegeti -ed al tempo stesso la rende più convincente- è il fatto che essa non risparmia critiche neppure al pontefice precedente, Benedetto XVI; mentre gli altri tendono a contrapporli o, al massimo, a giudicarli complementari.

Quasi che Cristo avesse bisogno di due rappresentanti al posto di uno.

No, la signora De Mari dice chiaramente che Benedetto XVI ha fatto male a dimettersi, dal momento che lui era il rappresentante di Gesù e, come tale, non poteva piantare il lavoro a metà con motivazioni da segretario comunale.

Non a caso, sostiene l’autrice, l’unico Papa che diede le dimissioni prima di Papa Ratzinger (Celestino V) fu collocato dal cattolicissimo Dante tra i dannati dell’Inferno.

Detto questo, anche lei trova che l’attuale Papa, non a caso diventato l’idolo dei mangiapreti, offre il destro ad una lunga serie di critiche, a partire dal buonasera del primo giorno per finire con il gesto indecoroso dell’ultimo.










11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è