• Giglio Reduzzi

Solidarietà internazionale

Anche del Libano la comunità internazionale sembra essersi dimenticata, benché dovrebbe essere in cima alla lista delle nazioni che necessitano di solidarietà.

Dopo il disastro che ha colpito Beirut l’anno scorso, non c’è più nulla che funziona in quel Paese, a partire dalle fonti energetiche (elettricità e benzina) e chi può scappa.

E dire che fino all’anno scorso il Libano veniva additato come un modello da seguire, vuoi per la sua straordinaria apertura verso tutte le religioni, vuoi per la sua eccezionale generosità nei confronti dei migranti (40% dell’intera popolazione).

Inutile dire che quest’ultimo aspetto veniva sottolineato soprattutto dalla Chiesa per tacitare gli italiani contrari alle migrazioni.

Ora il Libano è tornato nell’oblio e temo che, se mai ne uscirà, non sarà più additato come un modello, ma, se mai, come un monito.

87 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o