• Giglio Reduzzi

Solidarietà internazionale

Anche del Libano la comunità internazionale sembra essersi dimenticata, benché dovrebbe essere in cima alla lista delle nazioni che necessitano di solidarietà.

Dopo il disastro che ha colpito Beirut l’anno scorso, non c’è più nulla che funziona in quel Paese, a partire dalle fonti energetiche (elettricità e benzina) e chi può scappa.

E dire che fino all’anno scorso il Libano veniva additato come un modello da seguire, vuoi per la sua straordinaria apertura verso tutte le religioni, vuoi per la sua eccezionale generosità nei confronti dei migranti (40% dell’intera popolazione).

Inutile dire che quest’ultimo aspetto veniva sottolineato soprattutto dalla Chiesa per tacitare gli italiani contrari alle migrazioni.

Ora il Libano è tornato nell’oblio e temo che, se mai ne uscirà, non sarà più additato come un modello, ma, se mai, come un monito.

87 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Dicono che il Papa, in quanto tale, goda dell’assistenza costante dello Spirito Santo, grazie alla quale può, in certi casi, diventare infallibile. Essendo egli il vicario di Cristo mi pare giusto che

Come distinguere i migranti buoni dai cattivi. E’ molto semplice. Basta guardare il sesso e l’età. Se sono maschi sotto i vent’anni, sono migranti in cerca di fortuna che scappano da casa o sono incor

Non so Voi, ma io mi accontenterei di un Nuovo Anno che ci regalasse: 1. Un Capo dello Stato rispettato in Italia ed all’estero e che non debba ricorrere all’interprete anche solo per dire “Buo