• Giglio Reduzzi

Trial and error

La mancanza di visione di questo governo è facilmente riscontrabile dal suo modo di procedere in materia di manovra economica.

Se avesse una visione, cioè una ricetta pronta, si riunirebbe, discuterebbe, magari a lungo, e poi manderebbe fuori un suo esponente ad annunciare il programma di interventi.

Purtroppo non ha alcuna ricetta pronta ed allora procede a tentoni con il metodo del trial and error. Proviamo e vediamo cosa succede.

Fa una prima riunione ed elabora un programma di massima cui non crede lui stesso (difatti lo chiama salvo intese) e lo manda a Bruxelles, tanto per rimanere nei tempi assegnati.

Poi torna a riunirsi, ci aggiunge un paio di tasse e manda fuori l’araldo a saggiare il terreno.

Se la reazione è troppo violenta, ritira la proposta e ne ripropone una meno pesante.

Questo dà al Premier la possibilità di uscire ed annunciare di aver diminuito le tasse, anche se l’idea di aumentarle era partita da lui.

Ma poi il ministro dell’economia si accorge che, avendo diminuito le imposte, i conti non tornano ed allora, non potendo fare marcia indietro, propone un mix di microtasse, cui nessuno oserà ribellarsi, trattandosi di tasse “etiche”, cioè volte a salvare la Terra (secundum Greta) ed a migliorare l’alimentazione del popolo bue.

Ecc.ecc.

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se