• Giglio Reduzzi

Un governo controcorrente

A mio avviso le critiche all’attuale governo nascono dal fatto che esso propone soluzioni troppo innovative, per cui vengono a mancare tutte le “condizioni al contorno”.

Donde le critiche, non solo delle agenzie di rating (che sono private e fanno gli affaracci loro), ma anche di tutti coloro (troppi) che, all’interno delle istituzioni, continuano a pensare che prima occorra dare il pane all’Europa e poi, se ne avanza, agli italiani.

Essendo esperienza definitivamente acquisita che per far felice le agenzie di rating, l’UE, il fondo monetario, il Presidente della Repubblica e la Banca d’Italia occorre rendere infelici gli italiani, mi chiedo cosa ci sia di strano nel voler tentare, per una volta, di fare il contrario.

Ancora: la Sinistra accusa il governo italiano di essere isolato dal resto dell’Europa.

A mio avviso il giudizio è largamente prematuro.

Aspettiamo le elezioni europee della prossima primavera.

Se prevarranno i partiti tradizionali, che ora esprimono la Commissione, allora il giudizio sull’isolamento risulterà corretto.

Se prevarranno i nuovi partiti euroscettici (leggi Salvini e Le Pen), allora il giudizio si dimostrerà errato.

Di più: vincendo le elezioni, il governo italiano avrà dimostrato, per una volta, di essere primo della classe. E non, come al solito, l'ultimo.




26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o