• Giglio Reduzzi

Un matrimonio "innaturale"

Quel matrimonio tra Salvini e Di Maio, che Berlusconi definisce "innaturale", ha avuto, se non altro, il vantaggio di far emergere prepotentemente quella personalità di Matteo Salvini che non sarebbe mai emersa, se egli fosse rimasto con Berlusconi.

Lo si è visto nettamente -e penosamente- quando i due uscivano, con Giorgia Meloni, dalla sala delle consultazioni al Quirinale.

Inutile dire che il successo di Matteo Salvini è avvenuto, non grazie a, ma nonostante Mattarella; il quale, oltre alla sua personale antipatia per Salvini, manifestava un evidente appiattimento sulle superate posizioni dell’Unione Europea.

(Come dimostrò il veto del Capo dello Stato per la nomina del prof. Savona a Ministro dell’Economia.)

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o