• Giglio Reduzzi

Un matrimonio "innaturale"

Quel matrimonio tra Salvini e Di Maio, che Berlusconi definisce "innaturale", ha avuto, se non altro, il vantaggio di far emergere prepotentemente quella personalità di Matteo Salvini che non sarebbe mai emersa, se egli fosse rimasto con Berlusconi.

Lo si è visto nettamente -e penosamente- quando i due uscivano, con Giorgia Meloni, dalla sala delle consultazioni al Quirinale.

Inutile dire che il successo di Matteo Salvini è avvenuto, non grazie a, ma nonostante Mattarella; il quale, oltre alla sua personale antipatia per Salvini, manifestava un evidente appiattimento sulle superate posizioni dell’Unione Europea.

(Come dimostrò il veto del Capo dello Stato per la nomina del prof. Savona a Ministro dell’Economia.)

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è

Un imbarazzato Segretario di Stato vaticano ha appena annunciato che tra due giorni Papa Francesco andrà a Manama, capitale del Bahrain. La notizia è piombata sugli ascoltatori come un fulmine a ciel