• Giglio Reduzzi

Un messaggio irricevibile

Aggiornato il: 6 set 2019

L’impossibilità di recepire il messaggio papale ad accogliere tutti i migranti che bussano alla nostra porta consiste in questi semplici fatti:

1. Si tratta di un messaggio monco. Perché ci dice solo di farli entrare, ma non ci dice dove dobbiamo alloggiarli e quale lavoro dobbiamo loro dare. Visto che questo è il motivo per cui lasciano il loro Paese e questo dovrebbe essere il nostro compito anche se la loro motivazione fosse diversa.

In altre parole ci invita a fare la cosa più facile, ma nulla ci dice sulla parte più difficile;

2. Neppure la gerarchia ecclesiastica sembra recepire questo messaggio e darci, come si suol dire, “il buon esempio”, dal momento che non risulta che alcun gruppo consistente di immigrati abbia trovato alloggio nelle migliaia di stanze rimaste vuote nelle loro strutture (conventi, seminari, ecc.) a seguito della persistente crisi vocazionale;

3. Nei messaggi papali l’invito all’accoglienza viene molto spesso motivato, oltre che dallo spirito misericordioso che dovrebbe albergare in ogni buon cristiano, anche da una inesistente legge del mare; quasi che il diritto internazionale si estenda anche ai naufragi pianificati, in aggiunta a quelli accidentali.

(Che poi si tratti di naufragi preordinati è evidente a tutti, come dimostrano l’inadeguatezza del mezzo usato, il sovraccarico di persone, l’insufficienza dei servizi di bordo, ecc. ecc. Negare che le cose stiano in questi termini è negare l’evidenza.)

9 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

Salvini "Defensor Fidei" ?

Coloro che esprimono meraviglia per il fatto che Salvini sia rimasto l’unico (insieme all’ex boyscout Renzi) a difendere i valori del cristianesimo nell’aula del Senato dimostrano di avere la memori

L'uomo dei record

Esiste un uomo che è diventato Premier di un grande Paese senza aver mai fatto politica, neppure a livello comunale? Sì, è italiano e si chiama Giuseppe Conte. Esiste un uomo capace, in due anni conse

Nuove delusioni

La mia passione per la politica viene da lontano. Quando i miei compagni d’università andavano in Svezia per godere della maggior libertà sessuale ivi praticata, io, cretino, andavo a Londra per veder