• Giglio Reduzzi

Un partito in via di estinzione

Le ultime elezioni politiche (alle quali il PD ha preso il 19% dei voti) hanno dimostrato come il PD sia in continuo calo di consensi e, pertanto, sia destinato all’estinzione.

E’ ciò che l’81% degli elettori già sapeva.

Purtroppo tra questi ultimi non c’è il Capo dello Stato, che di questa tendenza avrebbe dovuto avere contezza già nel 2019, quando si tennero quelle elezioni che avevano il solo difetto di chiamarsi “europee” invece di “politiche”, ma che ben esprimevano questo trend.

Del resto il partito fondato da Walter Veltroni non poteva che finire così.

Esso fu il patetico tentativo di conciliare l’inconciliabile.

Vale a dire mettere nello stesso partito sia chi veniva dall’esperienza democristiana (ed in massima parte cattolica), sia chi veniva dall’esperienza comunista (ed in massima parte atea).

Il divario (culturale prima ancora che politico) è ben visibile oggi, dove troviamo, sotto lo stesso tetto, sia Rosy Bindi che Monica Cirinnà.

La convivenza è impossibile.

Facciano tutti i Congressi che vogliono, ma l’unico risultato concepibile sarà un sostanziale ritorno alle origini.

Da una parte andranno quelli che hanno come motto “Dio, Patria e Famiglia” e dall’altra coloro che ritengono che il sesso sia fluido e l’aborto un diritto.



75 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è

Un imbarazzato Segretario di Stato vaticano ha appena annunciato che tra due giorni Papa Francesco andrà a Manama, capitale del Bahrain. La notizia è piombata sugli ascoltatori come un fulmine a ciel