• Giglio Reduzzi

Un sinodo per l'Europa no?

Se persino Papa Giovanni XXIII, nel suo celebre “discorso della luna” (11 ottobre 1962), disse “la mia è una voce sola” e, più avanti, “la mia persona non conta niente”, figuriamoci quanto poco possa contare la mia voce o la mia persona!

Ebbene, nonostante questa pochezza, io oso sperare che, essendo stato dedicato un sinodo di tre settimane alla ricerca dei modi con cui cristianizzare l’Amazzonia, molto presto ne sarà dedicato un altro, spero altrettanto lungo, per ricercare le modalità con cui frenare la scristianizzazione dell’Europa.

Fenomeno che considero altrettanto meritevole di attenzione, se non più urgente.

Difatti non sono passati molti decenni da quando in Europa le nostre 67.000 chiese sono passate dall’essere sovraffollate all’essere desolatamente vuote.

Ne ho avuto tragica conferma l’altro giorno quando, accompagnando le mie nipotine a messa, ho dovuto pregarle di salire all’altare e fare le chierichette, affinché il celebrante, di fronte ad una chiesa completamente vuota, non si sentisse troppo solo.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o