• Giglio Reduzzi

Una causa persa

Aggiornamento: 21 giu

Chissà se Zerensky ha mai pensato che, nonostante tutto l’eroismo dimostrato da lui stesso e dal suo popolo, questa guerra non la vincerà mai. Ripeto mai.

Non perché lui sia piccolo ed il nemico grande. O perché l’Occidente non gli fornisce abbastanza armi. Ma semplicemente perché questa guerra si svolge tutta sul suo territorio.

Per cui sia che una casa, un ponte, uno stabilimento vengano distrutti da una parte piuttosto che dall’ altra, si tratta sempre di roba sua che viene irrimediabilmente persa.

E’ come una partita di calcio che veda tutti i ventidue giocatori giocare solo nella metà campo della squadra di casa.

Se i giocatori ucraini entrano nella metà campo dei russi, scoppia la terza guerra mondiale!


Anche Putin ha materia su cui riflettere.

Gli conviene davvero distruggere un’acciaieria allo scopo di conquistarla?

Prima di ricostruirla dovrà rimuovere i calcinacci. Doppio lavoro.

A me non verrebbe mai in mente di distruggere un bene prima di appropriarmene!



13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è