• Giglio Reduzzi

Una furbata all'italiana

L’inventiva italiana al servizio della denigrazione.

Quando non puoi definire una persona “mafiosa” perché ti mancano le prove e potresti rimediare una querela, puoi sempre dire che è reo di “concorso esterno alla Mafia”.

Quando uno compie un illecito ma non puoi definirlo “leghista” perché ti manca la certezza che lo sia, puoi sempre dire che è “vicino alla Lega”.

La vaghezza di entrambe le espressioni ti permette di denigrare l’avversario senza correre il rischio di querela.

Una furbata all’italiana.

14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Bergoglio e Mattarella

Duole dirlo, ma la triste realtà è che nessuno dei due ci ama. Non ci ama il Capo dello Stato italiano, perché, se ci amasse davvero, non avrebbe mandato al governo degli incapaci, pur di far contenta

Sono Giorgia

Ho letto il libro di Giorgia Meloni. Quanta cultura! E poi dicono che la cultura è solo di sinistra. Chi in Parlamento può dire di aver letto la metà dei libri che ha letto lei, magari in lingua origi

La Chiesa mi ha fregato!

E dire che pochi sono cresciuti all’ombra del campanile come è stato per me. Prima di laurearmi, l’Università Cattolica di Milano mi ha fatto recitare il giuramento antimodernista di Pio X. Adesso, se