• Giglio Reduzzi

Una furbata all'italiana

L’inventiva italiana al servizio della denigrazione.

Quando non puoi definire una persona “mafiosa” perché ti mancano le prove e potresti rimediare una querela, puoi sempre dire che è reo di “concorso esterno alla Mafia”.

Quando uno compie un illecito ma non puoi definirlo “leghista” perché ti manca la certezza che lo sia, puoi sempre dire che è “vicino alla Lega”.

La vaghezza di entrambe le espressioni ti permette di denigrare l’avversario senza correre il rischio di querela.

Una furbata all’italiana.

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se davvero si vuole riformare la Scuola (come sarebbe ora e tempo di fare) occorre preliminarmente prendere due iniziative rivoluzionarie, che sarà dura far passare in Parlamento: a) togliere v

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è