• Giglio Reduzzi

Una furbata all'italiana

L’inventiva italiana al servizio della denigrazione.

Quando non puoi definire una persona “mafiosa” perché ti mancano le prove e potresti rimediare una querela, puoi sempre dire che è reo di “concorso esterno alla Mafia”.

Quando uno compie un illecito ma non puoi definirlo “leghista” perché ti manca la certezza che lo sia, puoi sempre dire che è “vicino alla Lega”.

La vaghezza di entrambe le espressioni ti permette di denigrare l’avversario senza correre il rischio di querela.

Una furbata all’italiana.

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o