• Giglio Reduzzi

UNA NUOVA "EFTA"

Si fa un gran discutere sull’opportunità o meno che l’Italia continui a far parte dell’Unione Europa.

Mi chiedo se si tratti di una discussione utile.

La mia previsione è che farà prima l’UE a sciogliersi che noi a decidere sul da farsi.

In realtà io prevedo che l’Europa, più che dissolversi, evolverà in una specie di nuova EFTA, quell’associazione fondata a Ginevra nel 1960, che ora comprende solo quattro Stati (Islanda, Norvegia, Svizzera e Lichtenstein), ma che, ad un certo punto, vide la partecipazione anche di Gran Bretagna, Danimarca, Svezia, Finlandia, Austria e Portogallo.

Era la casa dei Paesi che non erano entrati nella CEE, perché sovranisti (per usare una parola di moda) o perché impediti di farne parte dall’esistenza della cortina di ferro (Polonia, Ungheria, ecc.).




16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Pare che Bruxelles abbia chiesto a Giorgia Meloni di far sbarcare in Italia i migranti presenti sulle navi ONG. Spero che il nostro nuovo Premier abbia risposto picche, perché sbarco non significa sal

Stringe il cuore percorrere i viali delle vecchie “zone industriali” e vedere che due capannoni su tre sono chiusi. Vuoi perché l’attività produttiva che vi si svolgeva è finita all’estero o perché è

Un imbarazzato Segretario di Stato vaticano ha appena annunciato che tra due giorni Papa Francesco andrà a Manama, capitale del Bahrain. La notizia è piombata sugli ascoltatori come un fulmine a ciel