• Giglio Reduzzi

UNA NUOVA "EFTA"

Si fa un gran discutere sull’opportunità o meno che l’Italia continui a far parte dell’Unione Europa.

Mi chiedo se si tratti di una discussione utile.

La mia previsione è che farà prima l’UE a sciogliersi che noi a decidere sul da farsi.

In realtà io prevedo che l’Europa, più che dissolversi, evolverà in una specie di nuova EFTA, quell’associazione fondata a Ginevra nel 1960, che ora comprende solo quattro Stati (Islanda, Norvegia, Svizzera e Lichtenstein), ma che, ad un certo punto, vide la partecipazione anche di Gran Bretagna, Danimarca, Svezia, Finlandia, Austria e Portogallo.

Era la casa dei Paesi che non erano entrati nella CEE, perché sovranisti (per usare una parola di moda) o perché impediti di farne parte dall’esistenza della cortina di ferro (Polonia, Ungheria, ecc.).




16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Progredire non è trasgredire

L’esperienza di vita dovrebbe averci insegnato che i dieci comandamenti sono cosa buona e giusta anche per i non credenti. Lo stesso dicasi per alcuni valori naturali che stanno alla base di un’ordina

Ecumenismo ed ultra-ecumenismo

La svolta ultra-ecumenica verificatasi con la Dichiarazione di Abu Dhabi (che mette tutte le religioni sullo stesso piano) è frutto esclusivo di questo papato ed ha colto tutti di sorpresa. Non sarei

Omosessualità no, ma....

La recente dichiarazione della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) che nega ai sacerdoti la facoltà di benedire le coppie omosessuali, essendo di un’ovvietà assoluta, era del tutto superflu

Call

T: 

Follow me

© 2023 by Nicola Rider.
Proudly created with
Wix.com
 

  • Facebook Clean
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now