• Giglio Reduzzi

Una regola assurda

La regola del 3% è assurda.

Mi riferisco, ovviamente, alla regola comunitaria secondo cui gli Stati membri non possono spendere più di quanto non prevedano di incamerare nell’arco di un anno, aumentato del 3%.

L’assurdità è proprio qui, cioè nel rapportare il disavanzo all’anno solare.

Così facendo si condannano gli Stati all’immobilità: chi è indietro rimarrà sempre indietro e chi è avanti rimarrà sempre avanti.

Non mi pare che occorra essere economisti per capire che difficilmente un governo nazionale può trovare le misure giuste per obbedire alla regola (sia che si tratti di espandere l’economia che di comprimerla) nell’arco di un solo anno.

L’economia ha regole che non seguono il calendario.

E’ da un secolo che Francesco Vito (economista e successore di Agostino Gemelli come rettore dell’Università Cattolica di Milano) ha scoperto e studiato i cicli economici; che peraltro ricordano l’alternarsi delle stagioni economiche di egiziana memoria (vacche grasse/vacche magre).

Non si capisce perché in Europa le misure finanziarie debbono essere legate all’anno solare e non al ciclo economico.

Il ciclo è negativo? Si corre ad investire a costo di sforare la regola del 3%.

Il ciclo è positivo? Si opera nella direzione opposta. Al limite non si fa nulla.

In Italia di regole fisse ce ne sono già sin troppe.

Si pensi all’IMU sulle case, che è espressa in misura fissa, sia che il valore commerciale dell’immobile salga, sia che esso decresca.

E’ un’assurdità che i Paesi più attenti del nostro (il Canada per esempio) evitano accuratamente.

14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

E’ evidente che ai dirigenti della RAI non importa un fico secco della salute mentale dei cittadini. Altrimenti eviterebbero di accrescere l’ansia degli ascoltatori fornendo notizie terribili su situa

Sono molti i leghisti che si chiedono cosa aspetta Salvini a negare la fiducia a questo governo. Spero solo che non siano gli stessi che già lo volevano fuori dal governo nel 2019, salvo poi criticarl

La ricerca degli effettivi titolari e/o beneficiari di alcuni beni patrimoniali italiani è stata lunga e faticosa. Lo apprendiamo dai giornali a seguito dell’iniziativa governativa di sanzionare gli o